26.7 C
Milano
venerdì,18 Settembre,2020

Ultimi Articoli

00:49:36

Il piano di conquista degli uomini del Bilderberg in Italia – Intervista a Francesco Amodeo

Francesco Amodeo: giornalista d’inchiesta, autore. Si occupa da sempre di divulgazione, senza censure ed intermediari. In questa intervista Amodeo tratteggia una linea molto chiara su come...

“Covid: sarebbe bastato lasciar lavorare i medici di base”

Zero morti in Val Seriana. Intervista a Riccardo Munda, il medico di base che ha deciso di non interrompere le visite ai suoi pazienti Covid....

Recovery frode?

Questa mattina è stato rilasciato sul Corriere della Sera l’elenco in bozza dei 557 progetti finanziati dal Recovery Fund del Covid-19. Si tratta dell’accordo che il...
00:15:01

Netflix, strumento della Grande Fabbrica dei Sogni e delle Menzogne

Conoscete il termine “Infotainment”? Intrattenimento e informazione nella stessa parola. Obiettivo: la manipolazione. Una volta usavano il telegiornale per manipolare e condizionare l’opinione pubblica....

Scotch sulle mascherine, incredibile racconto di un bimbo al nonno

Scotch sulla mascherine e niente corsa, altrimenti si suda e “si attacca” il virus. È l’incredibile racconto di un bambino al nonno sui primi...

Bill Gates esperto di pandemie, lo dicono i media a cui dona 250milioni di $

Durante la pandemia Bill Gates ha fatto molto parlare di sé. Ma quello che abbiamo sentito in tv e letto sui giornali era corretto...

Abbiamo provato a leggere il bugiardino di un tampone: è tutto normale?

Sono molte le polemiche sul test diagnostico che rileva la positività al SARS-CoV-2. Abbiamo provato a cercare qualche risposta nel bugiardino di un tampone. Alcuni...

«Ai pedofili il governo toglierà casa, auto e risparmi», ecco la proposta di legge. In tilt i server del dark web

I pedofili perderanno la casa, la loro auto, i loro risparmi e anche il conto in banca: è la nuova proposta di legge del governo australiano che mira a confiscare i...

In mare più mascherine che meduse. E con il rientro a scuola sarà sempre peggio

Fontegreenme

Oggi milioni di studenti sono rientrati in classe, portando non solo i loro zainetti, ma anche tanta emozione, un po’ di paura e… la loro immancabile mascherina usa e getta (obbligatoria per tutti i bambini e ragazzi sopra i sei anni).

Il Governo ha annunciato che verranno distribuite 11 milioni di mascherine al giorno a disposizione loro e del personale scolastico.

“La distribuzione avviene con cadenza settimanale o bisettimanale, in relazione al numero di alunni e di personale scolastico presenti in ciascuna istituzione scolastica”, si legge in una nota del ministero.

Ma che fine faranno queste mascherine? E quante tonnellate di rifiuti produrremo in questo modo? Verranno inceneriti o finiranno dispersi in mare?

Relativamente ai rifiuti che si originano dall’uso quotidiano e diffuso di dispositivi di protezione come guanti e mascherine, l’ISPRA ha stimato, all’inizio di maggio scorso, una produzione complessiva di rifiuti a fine 2020 compresa tra 160mila e 440mila tonnellate, con un valore medio di 300 mila tonnellate. Questo quanto emerso relazione della “Commissione ecomafia su Covid-19 e ciclo dei rifiuti”.

Così, se fino a poco prima della riaperture delle scuole si pensava che questi volumi potessero essere “gestibili dal sistema impiantistico italiano senza squilibri”, ora invece gli esperti iniziano a lanciare l’allarme.

“Purtroppo gli inceneritori non bastano, soprattutto nel Mezzogiorno dove questi impianti sono una rarità — avverte Chicco Testa, esperto di ecologia e presidente dell’Assoambiente — e di conseguenza un gran numero di rifiuti e di mascherine sanitarie usate non vengono distrutti ma finiscono nelle discariche o, peggio, dispersi nell’ambiente”.

Così, non è improbabile pensare che presto nel Mediterraneo ci saranno più mascherine che meduse. D’altronde, l’organizzazione ecologista francese Opération Mer Propre lo aveva già denunciato in tempi meno sospestti, documentando la comparsa di questi rifiuti sulle coste e i fondali del paese.

Le immagini dalle coste francesi erano già davvero terribili.

“Li stavamo aspettando, sono arrivati, ma non nel posto giusto… Le prime maschere sono apparse nel Mediterraneo” si leggeva nel post pubblicato sulla pagina Facebook dell’associazione.

mascherine mare

mascherine mare

Tutto questo non è che destinato a peggiorare…

ArrayArray