26.7 C
Milano
venerdì,18 Settembre,2020

Ultimi Articoli

00:49:36

Il piano di conquista degli uomini del Bilderberg in Italia – Intervista a Francesco Amodeo

Francesco Amodeo: giornalista d’inchiesta, autore. Si occupa da sempre di divulgazione, senza censure ed intermediari. In questa intervista Amodeo tratteggia una linea molto chiara su come...

“Covid: sarebbe bastato lasciar lavorare i medici di base”

Zero morti in Val Seriana. Intervista a Riccardo Munda, il medico di base che ha deciso di non interrompere le visite ai suoi pazienti Covid....

Recovery frode?

Questa mattina è stato rilasciato sul Corriere della Sera l’elenco in bozza dei 557 progetti finanziati dal Recovery Fund del Covid-19. Si tratta dell’accordo che il...
00:15:01

Netflix, strumento della Grande Fabbrica dei Sogni e delle Menzogne

Conoscete il termine “Infotainment”? Intrattenimento e informazione nella stessa parola. Obiettivo: la manipolazione. Una volta usavano il telegiornale per manipolare e condizionare l’opinione pubblica....

Scotch sulle mascherine, incredibile racconto di un bimbo al nonno

Scotch sulla mascherine e niente corsa, altrimenti si suda e “si attacca” il virus. È l’incredibile racconto di un bambino al nonno sui primi...

Bill Gates esperto di pandemie, lo dicono i media a cui dona 250milioni di $

Durante la pandemia Bill Gates ha fatto molto parlare di sé. Ma quello che abbiamo sentito in tv e letto sui giornali era corretto...

Abbiamo provato a leggere il bugiardino di un tampone: è tutto normale?

Sono molte le polemiche sul test diagnostico che rileva la positività al SARS-CoV-2. Abbiamo provato a cercare qualche risposta nel bugiardino di un tampone. Alcuni...

«Ai pedofili il governo toglierà casa, auto e risparmi», ecco la proposta di legge. In tilt i server del dark web

I pedofili perderanno la casa, la loro auto, i loro risparmi e anche il conto in banca: è la nuova proposta di legge del governo australiano che mira a confiscare i...

Il cimitero dei banchi di Bologna, la triste immagine che simboleggia lo spreco nelle scuole ai tempi del Covid-19

Fontegreenme

Oggi circa 5 milioni di bambini e ragazzi sono tornati a scuola, tanti altri invece dovranno aspettare ancora una settimana o due dato che alcune Regioni o singole scuole hanno posticipato la riapertura. Nonostante questo si continua a discutere del tema dei banchi e ha fatto molto scalpore una foto scattata a Bologna che immortala lo spreco di una grande quantità di materiale ancora utilizzabile.

L’immagine che vedete in copertina è stata scattata nel deposito del Comune di Bologna ed è opera del fotografo Michele Lapini che l’ha postata sul suo profilo Facebook destando un certo sconcerto e malumore. Nell’immagine si vedono infatti chiaramente non solo banchi ma anche sedie, cattedre, librerie e armadi scolastici in buono stato e ancora potenzialmente utilizzabili accatastati per essere, presumibilmente, smaltiti.

Ma la cosa più paradossale è che all’interno di questo “cimitero dei banchi” vi sono anche dei banchi monoposto!

Come giustamente si chiede nel commento alla foto Michele Lapini:

Siamo sicuri che il futuro della scuola sia una discarica di banchi monoposto per far posto a banchi monoposto?

Uno spreco enorme, di questi tempi più che mai inaccettabile, che riaccende anche il tema di come è stata gestita la ripartenza scolastica alla luce delle nuove normative anti-covid.

Vi avevamo già raccontato che la scuola, che ci auguravamo ripartisse con una certa attenzione verso la natura e l’ambiente, sembra essere diventata invece il regno della plastica e del monouso (oltre che delle mascherine da smaltire).

Ma tornando ai banchi: era davvero necessario buttare tutto il “vecchio” per fare spazio ai nuovi banchi monoposto? non si potevano trovare soluzioni alternative per evitare tale spreco o quanto meno donare i materiali inutilizzati a qualcuno invece che buttarli?

Vi ricordiamo che altre soluzioni sono state proposte e in certi casi attuate. Vi avevamo parlato ad esempio della scuola che ha utilizzato i vecchi banchi per realizzare quelli nuovi, evitando appunto di riempire le discariche di materiali da smaltire e riuscendo anche a risparmiare qualcosa.

L’immagine che arriva dal deposito di Bologna parla da sola e racconta molto bene un modo di fare ancora troppo in voga: quello di buttare (anche quando si potrebbe riutilizzare con un po’ di inventiva) creando spazzatura in un mondo già invaso da rifiuti.

ArrayArray