26.7 C
Milano
venerdì,18 Settembre,2020

Ultimi Articoli

00:49:36

Il piano di conquista degli uomini del Bilderberg in Italia – Intervista a Francesco Amodeo

Francesco Amodeo: giornalista d’inchiesta, autore. Si occupa da sempre di divulgazione, senza censure ed intermediari. In questa intervista Amodeo tratteggia una linea molto chiara su come...

“Covid: sarebbe bastato lasciar lavorare i medici di base”

Zero morti in Val Seriana. Intervista a Riccardo Munda, il medico di base che ha deciso di non interrompere le visite ai suoi pazienti Covid....

Recovery frode?

Questa mattina è stato rilasciato sul Corriere della Sera l’elenco in bozza dei 557 progetti finanziati dal Recovery Fund del Covid-19. Si tratta dell’accordo che il...
00:15:01

Netflix, strumento della Grande Fabbrica dei Sogni e delle Menzogne

Conoscete il termine “Infotainment”? Intrattenimento e informazione nella stessa parola. Obiettivo: la manipolazione. Una volta usavano il telegiornale per manipolare e condizionare l’opinione pubblica....

Scotch sulle mascherine, incredibile racconto di un bimbo al nonno

Scotch sulla mascherine e niente corsa, altrimenti si suda e “si attacca” il virus. È l’incredibile racconto di un bambino al nonno sui primi...

Bill Gates esperto di pandemie, lo dicono i media a cui dona 250milioni di $

Durante la pandemia Bill Gates ha fatto molto parlare di sé. Ma quello che abbiamo sentito in tv e letto sui giornali era corretto...

Abbiamo provato a leggere il bugiardino di un tampone: è tutto normale?

Sono molte le polemiche sul test diagnostico che rileva la positività al SARS-CoV-2. Abbiamo provato a cercare qualche risposta nel bugiardino di un tampone. Alcuni...

«Ai pedofili il governo toglierà casa, auto e risparmi», ecco la proposta di legge. In tilt i server del dark web

I pedofili perderanno la casa, la loro auto, i loro risparmi e anche il conto in banca: è la nuova proposta di legge del governo australiano che mira a confiscare i...

Festa dell’Unità, infiltrato filma cuochi senza mascherine e scoppia il panico

In occasione della festa dell’Unità che si è tenuta a Firenze, un “infiltrato” ha girato un video in cui molti, tra cui gli addetti alle cucine, erano senza mascherine.

Ne abbiamo sentite di cotte e di crude sui “negazionisti” che, a seconda del Paese, vengono etichettati come fascisti alla manifestazione di Roma e nazisti in quella di Berlino.

Ma a quanto pare non è un problema che ricorre solo nelle manifestazioni “controcorrente”. Un infiltrato ha girato un video alla festa dell’Unità a Firenze in cui si vedono chiaramente molti dei partecipanti senza mascherina.

La persona che ha realizzato il filmato passeggiava per la festa, prima di essere bloccato dai partecipanti e accompagnato fuori.

Festa dell’Unità: «Se era un ristorante vi avrebbero fatto il c***»

L’infiltrato ha descritto la situazione surreale in cui si trovava: «Gruppetto senza le mascherine. Questa è la cucina. Guardate, zero mascherine nella cucina della festa dell’Unità del Galluzzo, Firenze».

Questo avviene dopo tutti i commenti arrivati dalla sinistra sui cosiddetti negazionisti e dopo le campagne pro-mascherina di alcuni esponenti.

Ricordiamo le parole di Zingaretti di inizio agosto: «Bisogna continuare a dire a tutti, contro gli scellerati che per farsi pubblicità si tolgono la mascherina, che ci sono tre cose semplici che bisogna fare: mascherina, distanza di sicurezza e igiene delle mani».

A quanto pare queste raccomandazioni non valgono alla festa dell’Unità organizzata dal Partito Democratico di cui Zingaretti è segretario.

Molti, anche in cucina, non indossavano le mascherine. Si sono affretti a metterle dopo aver capito che il ragazzo stava registrando un video.

L’infiltrato non si è fermato e ha continuato a camminare per dirigersi in zona palco, dov’erano sistemati i tavoli.

Anche in quell’area si vedono molte persone senza mascherina e non è molto chiaro se il metro sia o meno rispettato.

Il ragazzo che effettua le riprese non sembra sicuro che il distanziamento sia garantito e infatti ha commentato ironicamente: «Sono tutti congiunti alla festa dell’Unità».

«Dillo dai, è colpa degli immigrati»

Hanno cominciato a brancare il ragazzo e un signore è partito all’attacco: «Dillo dai, è colpa degli immigrati».  Ma l’infiltrato senza esitazione ha risposto: «No, è colpa vostra».

Nonostante siano stati colti totalmente in flagrante, anziché provare a giustificarsi hanno continuato a prendere a parole l’infiltrato che intanto si dirigeva verso l’uscita.

Il ragazzo ha chiuso il filmato così: «Cari governanti, com’è possibile che se ho un ristorante e non rispetto le regole mi fate un c*** così? E questi possono cucinare senza mascherina in piena “pandemia”, come dite voi. Ma le regole valgono solo per gli altri, non per la Festa dell’Unità».

ArrayArray