32.6 C
Milano
sabato,8 Agosto,2020

Ultimi Articoli

00:44:30

Cose che non sai dei Rockefeller e dei Warburg – Pietro Ratto

Torna Pietro Ratto dopo il mezzo milione di visualizzzione di "COSE CHE NON SAI DEI ROTHSCHILD", e lo fa con la prosecuzione ideale della...
00:18:34

Che cosa è davvero accaduto in Libano – Fulvio Grimaldi

L’esplosione che ha distrutto il porto e parte delle zone circostanti di Beirut viene considerata un incidente. Ma non tutti la pensano allo stesso...
00:06:49

I pilastri della democrazia – Mauro Scardovelli

Siamo veramente in democrazia? Ecco i pilastri indispensabili che la rendono tale.
00:04:12

“Distruggere il libano”: l’inquietante articolo che annunciava cose terribili a Beirut – Amodeo

Trovo assurdo che esista un articolo ignorato dai media mainstream dal titolo "Destroy #Lebanon", distruggere il #Libano per salvarlo. E' stato pubblicato in data...

Dopo Bologna e Perugia, Napoli: sentenza TAR Campania vieta antenna 5G a Quarto. C’è giurisprudenza in difesa della salute pubblica

“Violazione del principio di precauzione; l’impianto è pericoloso per la salute umana (…) il posizionamento dell’antenna, per come risulta localizzata, a ridosso di vari edifici,...

Coronavirus. Incongruenze nei verbali desecretati. Cosa non torna nel lockdown

Il Comitato tecnico scientifico voleva misure differenziate ma il governo decise il lockdown per tutta Italia. E le mascherine dovevano usarle solo malati e... Il...

«Consegnate i verbali mancanti», la nuova sfida della Fondazione Einaudi al Governo sugli atti secretati sul Coronavirus

Perché mancano molti documenti? Come mai non si menziona la necessità del lockdown deciso da Conte? Perché non si citano Alzano e Nembro? Qualche...

La presa in giro dei verbali secretati

Prima hanno detto che non potavano pubblicarli, "per motivi di sicurezza". Poi, di fronte alle proteste piovute da ogni parte, hanno detto "va bene...

Un libro in cambio di 10 bottiglie di plastica: a Taranto nasce una ‘Ecolibreria’ nel cuore di un parco urbano

Fontegreenme

Dare rifiuti di plastica in cambio di libri: aumentano le iniziative in Italia volte al riciclo di bottiglie seminando contemporaneamente cultura. Se a Polla si lascia un “libro sospeso” per chi porta in libreria rifiuti in plastica e alluminio da riciclare e a Portici si lancia la sfida del “riciclo culturale”, questa volta è a Taranto che si mette in piedi una vera e propria Ecolibreria.

Grazie all’impegno di Plasticaqquà, un formidabile gruppo di volontari che dal 2013 ripulisce le coste e le spiagge dei due mari di Taranto, qui, nel cuore del Parco Cimino – il parco urbano da poco più di un anno restituito ai cittadini – è possibile portare in giorni stabiliti almeno dieci bottiglie di plastica, flaconi o lattine in alluminio.

In cambio si può prendere in omaggio un libro usato a scelta tra quelli disponibili e donati da librerie e associazioni.

Tutti i rifiuti raccolti saranno poi prelevati da Amiu Spa Taranto che si occuperà di riciclarli donando loro nuova vita, mentre il libro preso, una volta letto, può anche essere restituito per rimetterlo in circolo in cambio di ulteriori rifiuti da destinare alla raccolta differenziata.

Per ora è possibile recarsi alla Ecolibreria in orari e giorni stabiliti – l’ultimo incontro si è avuto l’8 febbraio scorso, quando sono state raccolte ben 537 bottiglie – ma dall’Associazione si spera di poter essere presenti al Parco Cimino per più giorni alla settimana.

ecolibreria

©Plasticaqquà/Facebook

Prossimamente, l’Ecolibreria “sarà sicuramente attiva – spiega Giuseppe Internò di Plasticaqquà dalle pagine di Repubblica Bari – il martedì dalle 19.30 alle 22 circa e poi il sabato dalle 10 alle 12. Stiamo cercando di inserire una mattina o un pomeriggio a metà settimana per fare anche il laboratorio per bambini e adulti sul riciclo creativo”.

I prossimi appuntamenti saranno sabato 15 febbraio alle 10 e martedì 18 alle 19.30.

È possibile sostenere questa iniziativa? Certo, per esempio donando libri oppure offrendosi come volontari affinché si riesca a tenere l’Ecolibreria aperta per più giorni a settimana di quelli attualmente previsti.

E allora che aspettate amici di Taranto! Riciclate e approfittate per fare incetta di libri!

ArrayArray