20.4 C
Milano
giovedì,1 Ottobre,2020

Ultimi Articoli

Elon Musk: «Non mi vaccino», in linea col pensiero dei più ricchi del mondo

Durante un’intervista con Kara Swisher sul podcast Sway del New York Times, il miliardario Elon Musk ha dichiarato che né lui, né i suoi figli, faranno il vaccino contro il...
00:22:34

Tiziana Ciavardini, la strana morte del padre: cosa succede negli ospedali?

Il padre di Tiziana Ciavardini è deceduto in ospedale in totale solitudine nonostante non fosse un caso Covid. La figlia è una giornalista e...

Tampone bambini, gli esperti: «Lesioni a naso e gola e bimbi traumatizzati»

Politici, genitori ed esperti stanno mettendo in guardia sulle ripercussioni negative che il tampone può avere sui bambini. La situazione è sfuggita di mano e...
00:14:42

Sochi, foto “rubate” a Sky, la prova del bluff: ciò che non dovevamo vedere

Sky Sport ha mostrato (per sbaglio?) le immagini del pubblico presente durante il Gran Premio di Sochi in Russia: 30mila persone senza mascherina tutte...

Tamponi ai bambini per ordine di Speranza. Com’è buono

Tamponi a gogò nei piccoli. I genitori dovrebbero essere informati 1- Rischio di rottura del tampone e conseguente inalazione. 2- Rischio di lesioni alla mucosa nasale, orale...

Poliziotti.it rischia la chiusura

Qualcosa si sta muovendo male. Dopo quasi venti anni di attività poliziotti.it è a serio rischio chiusura. Il motivo (pretesto) ? Questo articolo, e intervista rilasciata...

Bollette, sta per arrivare una batosta: dal 1° ottobre pagheremo fino al 15% in più per luce e gas

Energia elettrica e gas costeranno di più a partire dal prossimo 1° ottobre. L’Arera, l’Autorità di regolazione per energia, reti e ambiente, stabilisce infatti...

Un prete attacca le vittime: ma perché?

Ancora una volta. Ma quante volte ancora? Le pugnalate alle spalle fanno male, ogni volta la ferita si riapre. Tu che leggi, riesci ad...

L’Europa ha appena finanziato 32 progetti che ci condanneranno a bruciare combustibili fossili per generazioni

Fontegreenme

Nonostante i buoni propositi annunciati dall’Europa per far fronte agli effetti della crisi climatica, l’Unione europea ha deciso di sostenere 32 importanti progetti di società che operano nell’industria del gas.

Nella giornata di ieri, con 443 voti favorevoli, 169 contrari e 36 astenuti, i deputati si sono espressi a favore della proposta della Commissione europea decidendo così di finanziare piani per 29 miliardi di euro, condannando l’Europa a bruciare combustibili fossili per generazioni.

Nell’ambito del programma di finanziamento dell’UE, ogni progetto potrebbe essere coperto fino al 50% dai contribuenti europei.

Secondo gli ambientalisti, si tratta di un’ipocrisia sull’emergenza climatica e le società del gas stanno godendo i frutti delle forti pressioni da loro esercitate nonché la posizione vantaggiosa del loro settore all’interno delle istituzioni.

“Questa ipocrisia climatica deve finire. A seguito di catastrofi senza precedenti come gli incendi in Australia, la storia sarà scortese per coloro che oggi hanno sostenuto la costruzione di più condotte e terminali di combustibili fossili”, ha dichiarato Colin Roche, coordinatore della giustizia climatica per Friends of the Earth Europe.

Il commissario europeo all’energia, Kadri Simson, dall’Estonia, ha chiesto al Parlamento di appoggiare la proposta, sulla base del fatto che tre quarti dei 151 progetti presentati riguardavano l’elettricità anziché il gas.

Il Parlamento avrebbe potuto però votare la lista per intero, oppure scegliere di esprimersi separatamente rispetto ai 32 progetti di infrastrutture del gas nel quarto elenco del Projects of Common Interest (PCI), presentato lo scorso ottobre.

L’Europa ha optato per l’approvazione dell’intera lista, nonostante il parere negativo espresso dalla società di consulenza Artelys, che in un recente rapporto ha affermato:

“la maggior parte dei 32 progetti di infrastrutture del gas nel quarto elenco PCI non sono necessari dal punto di vista della sicurezza dell’approvvigionamento e rappresentano un potenziale investimento eccessivo di decine di miliardi di euro, sostenuto da fondi pubblici europei”

Simson ha sottolineato che sebbene i progetti relativi al gas siano compresi nell’elenco approvato, ciò non garantisce che vengano effettivamente finanziati.

“Data la gravità dell’emergenza climatica e il poco tempo che ci rimane per evitare la catastrofe climatica, è sbagliato spendere più denaro pubblico per investire nei combustibili fossili.
È passato il tempo per incanalare denaro pubblico in progetti costosi e inutili in combustibili fossili quando l’Europa dovrebbe investire in efficienza energetica e fonti rinnovabili”, ha commentato Ciarán Cuffe, deputato irlandese dei verdi, che ha votato contro i progetti.

 

ArrayArray