32.6 C
Milano
sabato,8 Agosto,2020

Ultimi Articoli

00:44:30

Cose che non sai dei Rockefeller e dei Warburg – Pietro Ratto

Torna Pietro Ratto dopo il mezzo milione di visualizzzione di "COSE CHE NON SAI DEI ROTHSCHILD", e lo fa con la prosecuzione ideale della...
00:18:34

Che cosa è davvero accaduto in Libano – Fulvio Grimaldi

L’esplosione che ha distrutto il porto e parte delle zone circostanti di Beirut viene considerata un incidente. Ma non tutti la pensano allo stesso...
00:06:49

I pilastri della democrazia – Mauro Scardovelli

Siamo veramente in democrazia? Ecco i pilastri indispensabili che la rendono tale.
00:04:12

“Distruggere il libano”: l’inquietante articolo che annunciava cose terribili a Beirut – Amodeo

Trovo assurdo che esista un articolo ignorato dai media mainstream dal titolo "Destroy #Lebanon", distruggere il #Libano per salvarlo. E' stato pubblicato in data...

Dopo Bologna e Perugia, Napoli: sentenza TAR Campania vieta antenna 5G a Quarto. C’è giurisprudenza in difesa della salute pubblica

“Violazione del principio di precauzione; l’impianto è pericoloso per la salute umana (…) il posizionamento dell’antenna, per come risulta localizzata, a ridosso di vari edifici,...

Coronavirus. Incongruenze nei verbali desecretati. Cosa non torna nel lockdown

Il Comitato tecnico scientifico voleva misure differenziate ma il governo decise il lockdown per tutta Italia. E le mascherine dovevano usarle solo malati e... Il...

«Consegnate i verbali mancanti», la nuova sfida della Fondazione Einaudi al Governo sugli atti secretati sul Coronavirus

Perché mancano molti documenti? Come mai non si menziona la necessità del lockdown deciso da Conte? Perché non si citano Alzano e Nembro? Qualche...

La presa in giro dei verbali secretati

Prima hanno detto che non potavano pubblicarli, "per motivi di sicurezza". Poi, di fronte alle proteste piovute da ogni parte, hanno detto "va bene...

La lega cambia pelle? Da “Prima gli italiani” a “Prima gli europei” il passo è breve – Diego Fusaro

Avrete notato che da un po’ di tempo non si sente più tuonare la #Lega contro l’unione dei tecnocrati europei e della moneta unica a nocumento dell’Italia. La Lega e #Salvini sembrano anzi essersi riconciliati con l’#UnioneEuropea tanto criticata in passato.

E’ anche necessario ricordare che la Lega in passato stata alleata dei #5Stelle, che avevano fatto del recupero della sovranità un proprio punto di forza. Cosa resta di quel progetto?

Già in passato abbiamo avuto molti segnali della possibile riconciliazione della Lega di Salvini con gli euroinomani di #Bruxelles: da ricordare quando Salvini disse che non guardava con troppa antipatia alla possibilità di #Draghi Presidente. Rammemoriamo poi un’intervista al foglio, nella quale Salvini ha detto essere l’Unione Europea e l’euro irreversibili, come un Mario #Monti qualsiasi.

Ecco che ora arrivano parole simili da Gianna Gancia, europarlamentare della Lega: “L’unione Europea deve riscoprire la propria identità, e avviare una seria riforma interna, solo così i cittadini europei comprenderanno pienamente l’importanza del progetto europeo. In un’espressione: da oggi dobbiamo costruire gli Stati Uniti d’Europa“.

Così ha cinguettato Gianna #Gancia: quale sia l’identità dell’Unione Europea non è dato sapere.

L’Unione Europea anzi, nasce come disidentificazione e dunque come abbandono delle radici dei popoli europei. Qual è dunque, domandiamo a Gianna Gancia e alla Lega, l’identità dell’Unione Europea? La moneta unica? Il fiscal Compact?

Curioso come nel suo Tweet la Gancia si rivolga “agli europei”: evidentemente il passo da “prima gli italiani” a “prima gli europei” è più ravvicinato di quanto si creda.

ArrayArray