32.6 C
Milano
sabato,8 Agosto,2020

Ultimi Articoli

00:44:30

Cose che non sai dei Rockefeller e dei Warburg – Pietro Ratto

Torna Pietro Ratto dopo il mezzo milione di visualizzzione di "COSE CHE NON SAI DEI ROTHSCHILD", e lo fa con la prosecuzione ideale della...
00:18:34

Che cosa è davvero accaduto in Libano – Fulvio Grimaldi

L’esplosione che ha distrutto il porto e parte delle zone circostanti di Beirut viene considerata un incidente. Ma non tutti la pensano allo stesso...
00:06:49

I pilastri della democrazia – Mauro Scardovelli

Siamo veramente in democrazia? Ecco i pilastri indispensabili che la rendono tale.
00:04:12

“Distruggere il libano”: l’inquietante articolo che annunciava cose terribili a Beirut – Amodeo

Trovo assurdo che esista un articolo ignorato dai media mainstream dal titolo "Destroy #Lebanon", distruggere il #Libano per salvarlo. E' stato pubblicato in data...

Dopo Bologna e Perugia, Napoli: sentenza TAR Campania vieta antenna 5G a Quarto. C’è giurisprudenza in difesa della salute pubblica

“Violazione del principio di precauzione; l’impianto è pericoloso per la salute umana (…) il posizionamento dell’antenna, per come risulta localizzata, a ridosso di vari edifici,...

Coronavirus. Incongruenze nei verbali desecretati. Cosa non torna nel lockdown

Il Comitato tecnico scientifico voleva misure differenziate ma il governo decise il lockdown per tutta Italia. E le mascherine dovevano usarle solo malati e... Il...

«Consegnate i verbali mancanti», la nuova sfida della Fondazione Einaudi al Governo sugli atti secretati sul Coronavirus

Perché mancano molti documenti? Come mai non si menziona la necessità del lockdown deciso da Conte? Perché non si citano Alzano e Nembro? Qualche...

La presa in giro dei verbali secretati

Prima hanno detto che non potavano pubblicarli, "per motivi di sicurezza". Poi, di fronte alle proteste piovute da ogni parte, hanno detto "va bene...

Plastica in cambio di biglietti del bus e ingressi al teatro: anche a Genova arrivano le macchinette mangia-bottiglie

Fontegreenme

Non solo biglietti del bus, ma anche per il teatro e sconti nei negozi convenzionati. Dopo Roma, anche a Genova arriveranno a febbraio le macchinette mangia-plastica, ma con un incentivo in più: coloro che conferiranno bottiglie di plastica avranno in cambio un vero e proprio bonus, come accade in molti Paesi dell’Europa Nord-Occidentale.

Grazie al Decreto Clima diventato legge il mese scorso, che prevede che Comuni ed esercizi commerciali della grande distribuzione possano ricevere un contributo per dotarsi di compattatori di bottiglie, le cosiddette “macchinette mangia-plastica” potranno non essere più soltanto un’eccezione, ma essere regolarmente diffuse in modo che la filiera della gestione della plastica sia la più corretta possibile.

Quanto alla città di Genova, la mozione che richiedeva l’installazione per fine febbraio di nove macchinette mangia-plastica, una in ogni Municipio, è stata appena approvata. Le macchine non regaleranno, in cambio delle bottigliette, solo biglietti dell’autobus o della metropolitana, ma daranno accesso a una gamma di incentivi che va dai servizi pubblici agli ingressi a teatro. Tutto tramite un sistema con tessera o un’app dedicata.

Nel processo sono coinvolte oltre ad Amiu, la partecipata che si occupa di gestione dei rifiuti, la società privata che commercializza i macchinari, le associazioni di consumatori, i civ ( Centri Integrati di Via), le aziende di trasporto e i teatri. Per ora gli incentivi proposti non sono stati definiti, ma sembrano confermati i teatri e le aziende di trasporto, mentre le convenzioni potrebbero allargarsi ancora.

Entro due o tre settimane definiremo i punti dove collocarle – spiega Matteo Campora, assessore all’Ambiente. Ci saranno un contenitore e un compattatore. Dobbiamo però ancora definire alcuni aspetti pratici, come i tempi per il ritiro della plastica. Saranno importanti le prime settimane perché ci spiegheranno quanto è apprezzato questo servizio per poterlo poi tarare in base alle esigenze di ogni municipio”.

Anche in questo caso, grazie alle macchinette acchiappa-plastica, le bottiglie raccolte verranno riutilizzate per la creazione di nuove e, anziché diventare rifiuti, vengono riemesse nel mercato.

ArrayArray