5 C
Milano
domenica,23 Febbraio,2020

Ultimi Articoli

Usa Cina: guerra batteriologica o complottismo? Diego Fusaro, Gabriele Vietti

La diffusione del Coronavirus che ha colpito la Cina è frutto di un mutamento naturale, nel passaggio da animale a uomo, come sostengono molti virologi, o...

“Hanno fame? Non importa, paghino i debiti” – le scioccanti registrazioni dall’eurogruppo – Francesco Amodeo

Come riportato oggi da La Verità, l’ex ministro delle finanze greche ai tempi di #Tsipras, l’euroscettico #Varoufakis ha affermato di avere in suo possesso...

Come è fatto un vaccino? con la dr.ssa Loretta Bolgan

Serata di approfondimento sulla composizione dei vaccini attualmente in uso, modalità di produzione, registrazione e autorizzazione dei vaccini destinati all'uso umano. Quali sono gli...

DIVORANO TUTTO, E LE ECONOMIE CROLLANO – Speciale #TgTalk

L’aggressiva invasione di locuste che si sta diffondendo in Africa orientale sta mettendo a rischio la sicurezza alimentare di milioni di persone, già in situazione di...

Salario minimo, nessun accordo: soglia torna a 9 euro

Tensioni al tavolo di maggioranza sul salario minimo orario. Il confronto infatti segna il passo e un accordo su un possibile Ddl, da presentare alle...

Distrutti dagli interessi speculativi non dovuti ai banchieri privati – Valerio Malvezzi

Valerio Malvezzi commenta la decisione del consiglio nazionale dei commercialisti di andare nelle scuole primarie, in quarta e in quinta, a spiegare ai bambini perché...

Queste 5 multinazionali agrochimiche guadagnano miliardi dalla vendita di pesticidi “altamente pericolosi”

Le più grandi aziende di pesticidi al mondo guadagnano miliardi di dollari all’anno dalla vendita di sostanze chimiche accusate di rappresentare un rischio per la salute...

Le Marche provano a fermare il 5G, troppi rischi per l’uomo

Con la tecnologia 5G le Marche vogliono andarci caute e approvano una mozione per fare chiarezza sulle frequenze utilizzate e per conoscere gli eventuali rischi sulla...

«Preti pedofili, faccio i nomi» La procura apre un’inchiesta

Dopo le dichiarazioni di Don Marino si muovono carabinieri e procura


PADOVA Don Marino Ruggero (in foto), il parroco cacciato dalla curia con l’accusa di aver violato il celibato, tuona contro la chiesa e accusa: «A Padova ci sono preti pedofili». Il vescovo lo invita a darne prova. E lui: «Farò i nomi». La procura apre un’inchiesta.

Non era solo una provocazione. Don Marino Ruggero, il sacerdote che ha lasciato la parrocchia di San Lorenzo in Roncon di Albignasego con l’accusa di aver violato il celibato, continua a ribadire l’intenzione di denunciare i «veri» scandali che agiterebbero la Chiesa padovana, rinfocolando una polemica che promette nuovi colpi di scena. E a breve, se non sarà il Vescovo a porgli delle domande, sarà la procura a fargliele, visto che al quarto piano del palazzo di giustizia è già stato aperto un fascicolo sulla base di queste affermazioni, dette sia ai giornali in questi giorni che recentemente anche nelle tv locali.

Del resto si tratta di un atto dovuto quanto meno per raccogliere tutte le informazioni in merito ad un reato che, se fosse confermato, sarebbe molto grave, così come grave sarebbe che il prete abbia saputo di violenze su minori per tanto tempo senza aver mai detto nulla a nessuno, fatto che si configurerebbe come reato di favoreggiamento. I carabinieri avrebbero parlato con don Marino, ma lui a loro non avrebbe fatto i nomi di questi presunti preti pedofili di cui tanto ha parlato. darne conto per poterne vagliare l’attendibilità e valutare le azioni di sua competenza», considerando anche «l’opportunità di rivolgersi alla Procura della Repubblica se effettivamente è in possesso di prove».

Ieri il botta e risposta si è arricchito di un nuovo capitolo: pur avendo ricevuto la consegna del silenzio, infatti, don Marino ha risposto alle domande dell’emittente Tv7, che poi ha riportato le sue frasi senza audio. Riguardo ai casi di pedofilia, don Marino rilancia: «Sono cose che dico da anni e anni, e le dico perché ne ho le prove. Cerchiamo di essere coerenti e trasparenti: ci sono fatti che in Diocesi si conoscono da anni. Il vescovo mi ha chiesto di tirarle fuori, e ora ci sarà un iter apposito per questo, prima davanti al vescovo e poi davanti alla magistratura, seguendo la prassi ordinaria. Non è solo mia intenzione andare a fondo, ma è mio dovere morale come prete e come cittadino». Mantenere il silenzio davanti al vescovo e agli investigatori, in effetti, potrebbe far sì che don Marino possa essere indagato. Proprio in questi giorni i carabinieri hanno trasmesso due segnalazioni, una alla procura e una al comando provinciale dei carabinieri. Ieri inoltre si era diffusa la notizia che i militari dell’Arma avessero già interrogato don Marino, ma fonti ufficiali negano anche perché l’intenzione è di mantenere riserbo.