32.6 C
Milano
sabato,8 Agosto,2020

Ultimi Articoli

00:44:30

Cose che non sai dei Rockefeller e dei Warburg – Pietro Ratto

Torna Pietro Ratto dopo il mezzo milione di visualizzzione di "COSE CHE NON SAI DEI ROTHSCHILD", e lo fa con la prosecuzione ideale della...
00:18:34

Che cosa è davvero accaduto in Libano – Fulvio Grimaldi

L’esplosione che ha distrutto il porto e parte delle zone circostanti di Beirut viene considerata un incidente. Ma non tutti la pensano allo stesso...
00:06:49

I pilastri della democrazia – Mauro Scardovelli

Siamo veramente in democrazia? Ecco i pilastri indispensabili che la rendono tale.
00:04:12

“Distruggere il libano”: l’inquietante articolo che annunciava cose terribili a Beirut – Amodeo

Trovo assurdo che esista un articolo ignorato dai media mainstream dal titolo "Destroy #Lebanon", distruggere il #Libano per salvarlo. E' stato pubblicato in data...

Dopo Bologna e Perugia, Napoli: sentenza TAR Campania vieta antenna 5G a Quarto. C’è giurisprudenza in difesa della salute pubblica

“Violazione del principio di precauzione; l’impianto è pericoloso per la salute umana (…) il posizionamento dell’antenna, per come risulta localizzata, a ridosso di vari edifici,...

Coronavirus. Incongruenze nei verbali desecretati. Cosa non torna nel lockdown

Il Comitato tecnico scientifico voleva misure differenziate ma il governo decise il lockdown per tutta Italia. E le mascherine dovevano usarle solo malati e... Il...

«Consegnate i verbali mancanti», la nuova sfida della Fondazione Einaudi al Governo sugli atti secretati sul Coronavirus

Perché mancano molti documenti? Come mai non si menziona la necessità del lockdown deciso da Conte? Perché non si citano Alzano e Nembro? Qualche...

La presa in giro dei verbali secretati

Prima hanno detto che non potavano pubblicarli, "per motivi di sicurezza". Poi, di fronte alle proteste piovute da ogni parte, hanno detto "va bene...

Il cellulare causa il tumore, la conferma della Corte di appello di Torino

Fontegreenme

Nel 2017 una sentenza del Tribunale di Ivrea aveva condannato l’Inail a risarcire Roberto Romeo, dipendente Telecom a cui era stato diagnosticato un tumore, dopo essere stato costretto per anni ad usare il cellulare 3-4 ore al giorno. E ora, la Corte d’Appello di Torino ha confermato la sentenza di primo grado.

Secondo la Corte, il telefono cellulare può infatti causare tumori alla testa perché esisterebbe un nesso tra utilizzo frequente del telefono e neurinoma del nervo acustico, malattia diagnosticata, a suo tempo, al dipendente Telecom.

Secondo gli avvocati Stefano Bertone e Renato Ambrosio dello studio Ambrosio&Commodo di Torino, si tratta di una sentenza storica, proprio come lo era stata quella di Ivrea, “la prima al mondo a confermare il nesso causa-effetto tra il tumore e l’uso del cellulare“. I due avvocati sono convinti che i cittadini non siano adeguatamente informati sui rischi dovuti a un uso eccessivo degli apparecchi telefonici, e sostengono che basti utilizzarli 30 minuti al giorno per 8 anni per essere a rischio.

Dello stesso parere Romeo, che raccomanda di farne un uso limitato, specialmente nell’infanzia, i bambini corrono infatti il rischio maggiore.

La battaglia è stata vinta e ora l’ex dipendente Telecom avrà una rendita vitalizia da malattia professionale ma se le cose stessero davvero così, c’è da preoccuparsi, considerato tutto il tempo che trascorriamo, anche solo per svago, sui nostri cellulari.

ArrayArray