2 C
Milano
martedì,21 Gennaio,2020

Ultimi Articoli

Disoccupazione: è colpa degli Italiani? – Mauro Scardovelli e Marco Mori

Sono licenziato? Vuol dire che non meritavo. Una delle caratteristiche della psicologia delle persone oggi è che hanno imparato a sentirsi colpevoli, a sentirsi...

Pantano libico. La conferenza di Berlino non risolve i problemi

LIBIA NEL CAOS La conferenza di Berlino si conclude di fatto con una mera dichiarazione di intenti Dopo la cacciata e l’uccisione di Gheddafi la Libia non è diventata una...

Francia. Non si ferma protesta contro Riforma Pensioni. Macron a Versailles. La polizia carica i manifestanti

Riuniti su convocazione di diverse organizzazioni sindacali in occasione della visita del Presidente della Repubblica a Versailles per un incontro con capi di società...

Come l’aumento delle coltivazioni di cannabis negli USA sta salvando le api. Lo studio che non t’aspetti

Le api vanno pazze di cannabis, lo ha dimostrato un nuovo studio della Cornell University, pubblicato su Environmental Entomology, secondo il quale sempre più api “frequentano”...

Poco più di 2mila facoltosi possiedono la stessa ricchezza di 4,6 miliardi di persone

Come ogni anno è uscito il report di Oxfam “Avere cura di noi“ sulla distribuzione della ricchezza nel mondo e purtroppo le cose non vanno affatto come dovrebbero....

Giulietto Chiesa: “Il pericolo della terza guerra mondiale”

L'ultima parte dell'incontro tenutosi a Fermo lo scorso 28 dicembre con Giulietto Chiesa, moderato dal direttore di ANTIMAFIADuemila Giorgio Bongiovanni, è stata dedicata alle...

Presentazione del libro ” Dietro le Quinte” di E. Perucchietti, A. Bizzocchi e M. Pamio

Andrea Bizzocchi, Enrica Perucchietti e Marcello Pamio presentano il libro "Dietro le quinte". Come difendersi dal governo invisibile che sta dietro le quinte? Quale...

Le tristi immagini degli orsi polari che giocano con i rifiuti di plastica in Alaska

Fontegreenme

Buona parte della plastica che produciamo e utilizziamo, diventa un un rifiuto che finisce nell’ambiente, contribuendo a peggiorare l’inquinamento del nostro Pianeta.

Ogni giorno ci arrivano immagini di oceani e spiagge invase dalla plastica, animali deceduti perché intrappolati in un rifiuto di plastica, pesci e mammiferi marini con lo stomaco pieno di reti da pesca, bottigliette e sacchetti di plastica.

Le foto degli orsi polari che giocano con una tanica di plastica tra la neve in Alaska sono solo l’ultima testimonianza di come il nostro modo di vivere stia letteralmente sommergendo di rifiuti qualsiasi luogo del Pianeta, influenzando pesantemente tutta la vita sulla Terra.

Le immagini, scattate dal fotografo Danny Sullivan, mostrano una coppia di orsi polari intenti a contendersi una tanica di plastica, tirandola con la bocca e mordendola. I giovani orsi probabilmente hanno anche ingerito parti della tanica.

Oltre alla presenza di rifiuti in un luogo che dovrebbe essere incontaminato, le fotografie mostrano un altro aspetto allarmante.
Sullivan ha infatti immortalato i due orsi polari all’inizio di ottobre, quando il livello della neve dovrebbe essere di circa un metro e mezzo. In condizioni normali, quella plastica sarebbe stata sepolta, mentre a causa del riscaldamento globale non c’è nessuna traccia della neve.

La temperatura era di ben 5°C superiore alla media del periodo: questo non può che determinare delle conseguenze per gli orsi polari, modificando la finestra per la stagione della caccia per questi animali.

Aldilà di questo, resta il fatto che un rifiuto di plastica non dovrebbe trovarsi da nessuna parte nell’ambiente, tanto meno in Alaska. Come è arrivata lì una tanica di plastica? Potrebbe essere stata trasportata in mare da qualsiasi luogo e questo dimostra che le nostre abitudini stanno producendo effetti negativi ovunque.

È chiaro dunque che dovremmo modificare il nostro stile di vita, riducendo ed eliminando quanta più plastica possibile.

Ognuno di noi può fare qualcosa, ad esempio evitando di acquistare acqua o altre bevande o bibite in bottiglie di plastica, eliminando l’uso di cannucce di plastica, scegliendo cosmetici solidi anziché liquidi e prediligendo prodotti confezionati con altri materiali come vetro, carta o plastica biodegrabile e compostabile.

Si tratta di piccoli gesti che possono però fare un’enorme differenza se adottati con costanza da ognuno di noi.