18.4 C
Milano
martedì,4 Agosto,2020

Ultimi Articoli

00:40:10

Protocolli italia – svizzera, due approcci all’emergenza a confronto – Chiara Taiana

Vive in Italia e lavora in Svizzera, precisamente nel Canton Ticino ed è dottore specializzato in medicina interna. È la dottoressa Chiara Taiana a...
00:08:02

“Manipolazione e propaganda: così ci hanno convinto ad accettare le loro idee” – Scardovelli

"Siamo nell'epoca delle passioni tristi": così lo psicoterapeuta Mauro #Scardovelli battezza l'attuale periodo storico ai nostri microfoni. La "malattia" qui denunciata ha però più...
00:31:20

5G tra Big Data e cybersicurezza: saremo tutti spiati?

l 5G è anche Big Data, la più grande banca dati digitale mai pensata nella storia informatica: miliardi di devices connessi e collegati significa...

Berlino, proteste contro le mascherine. Gentiloni: “Fanno paura”

Così ha cinguettato su Twitter Gentiloni in relazione alla manifestante di protesta a Berlino contro il nuovo regime terapeutico: "Oggi a #Berlino. Chiedono di...

Anche i medici spagnoli rompono il silenzio: «Chiediamo la verità sul virus»

Il dibattito sul CoVid-19 non si placa: dopo le dichiarazioni di eminenti sanitari italiani, come Clementi, Bassetti e Zangrillo, anche medici spagnoli e tedeschi...
00:26:06

Genitori e insegnanti: la diffida ai dirigenti scolastici

Se volete diffidare i dirigenti scolastici dall'applicare sui vostri figli le linee guida della ministra Azzolina, qui trovate le modalità per farlo in maniera...

Perché il governo vuole tenere segreti i documenti degli esperti sulla pandemia?

«Possiamo chiamare “biosicurezza” il dispositivo di governo che risulta dalla congiunzione fra nuova religione della salute e il potere statale con il suo stato...

Caso Orlandi, famiglia affida incarico per esami su ossa Teutonico

La famiglia di Emanuela Orlandi ha affidato l’incarico per eseguire le analisi su alcuni frammenti ossei repertati nel cimitero Teutonico, all’interno della Città del...

Le tristi immagini degli orsi polari che giocano con i rifiuti di plastica in Alaska

Fontegreenme

Buona parte della plastica che produciamo e utilizziamo, diventa un un rifiuto che finisce nell’ambiente, contribuendo a peggiorare l’inquinamento del nostro Pianeta.

Ogni giorno ci arrivano immagini di oceani e spiagge invase dalla plastica, animali deceduti perché intrappolati in un rifiuto di plastica, pesci e mammiferi marini con lo stomaco pieno di reti da pesca, bottigliette e sacchetti di plastica.

Le foto degli orsi polari che giocano con una tanica di plastica tra la neve in Alaska sono solo l’ultima testimonianza di come il nostro modo di vivere stia letteralmente sommergendo di rifiuti qualsiasi luogo del Pianeta, influenzando pesantemente tutta la vita sulla Terra.

Le immagini, scattate dal fotografo Danny Sullivan, mostrano una coppia di orsi polari intenti a contendersi una tanica di plastica, tirandola con la bocca e mordendola. I giovani orsi probabilmente hanno anche ingerito parti della tanica.

Oltre alla presenza di rifiuti in un luogo che dovrebbe essere incontaminato, le fotografie mostrano un altro aspetto allarmante.
Sullivan ha infatti immortalato i due orsi polari all’inizio di ottobre, quando il livello della neve dovrebbe essere di circa un metro e mezzo. In condizioni normali, quella plastica sarebbe stata sepolta, mentre a causa del riscaldamento globale non c’è nessuna traccia della neve.

La temperatura era di ben 5°C superiore alla media del periodo: questo non può che determinare delle conseguenze per gli orsi polari, modificando la finestra per la stagione della caccia per questi animali.

Aldilà di questo, resta il fatto che un rifiuto di plastica non dovrebbe trovarsi da nessuna parte nell’ambiente, tanto meno in Alaska. Come è arrivata lì una tanica di plastica? Potrebbe essere stata trasportata in mare da qualsiasi luogo e questo dimostra che le nostre abitudini stanno producendo effetti negativi ovunque.

È chiaro dunque che dovremmo modificare il nostro stile di vita, riducendo ed eliminando quanta più plastica possibile.

Ognuno di noi può fare qualcosa, ad esempio evitando di acquistare acqua o altre bevande o bibite in bottiglie di plastica, eliminando l’uso di cannucce di plastica, scegliendo cosmetici solidi anziché liquidi e prediligendo prodotti confezionati con altri materiali come vetro, carta o plastica biodegrabile e compostabile.

Si tratta di piccoli gesti che possono però fare un’enorme differenza se adottati con costanza da ognuno di noi.

 

ArrayArray