5.7 C
Milan
lunedì,16 Dicembre,2019

Ultimi Articoli

[sette+] Brexit in arrivo, fuga dal 5 stelle e Italia contro la Turchia

In questa puntata di sette+ commentiamo il trionfo di Johnson nelle elezioni in Gran Bretagna, l'esodo dei senatori pentastellati e l'invio di una fregata...

Mauro Biglino – La Bibbia, gli Alieni, il Fumetto

Conferenza pubblica di Mauro Biglino a Lugano. Organizzata da Uchronia Edizioni di Fabio Romiti di www.uchronia.ch Data: 25 ottobre 2015. Luogo: Università della Svizzera italiana. Produzione video...

Ecco Perché Il Mes Non Venne Fermato Nel 2011 – Francesco Amodeo

Sentiamo dire in queste ore che il #MES poteva essere fermato prima dell’arrivo di #Monti al Governo. Tecnicamente questo è vero, ma per onore...

Diego Fusaro Contro Greta Thunberg: “Amica Del Potere Con Le Sue Finte Rivoluzioni”

“Dimmi come ti tratta il potere e ti dirò chi sei realmente“. Un detto che spiega come mai #Greta #Thunberg, la scandinava del dissenso...

Combattiamo la paura – Dario Miedico

Tratto dall’intervento di Dario Miedico al convegno “Pensiero Libero”, organizzato da Siamo il 30 novembre 2019. “Un Paese che si dichiara democratico sta imponendo, come...

Approvata la vendita di cannabis light in Italia con thc inferiore allo 0,5%

E' stato approvato al Senato un emendamento a firma di M5S, LEU e PD, per autorizzare la vendita di cannabis light in Italia, dove sono indicati il contenuto...

Il ’45 Non È Stato L’anno Della Liberazone: Un Altro Orrendo Padrone Ci Sta Umiliando – Diego Fusaro

Questa la notizia che abbiamo trovato riportata sui principali quotidiani nazionali: si tratta dell’indagine che gli USA hanno aperto sul conto dell’imprenditore italiano Bruno...

MELUZZI: “Greta e Carola due personaggi costruiti a tavolino. Green Economy una grandissima sola”

Per la rivista #Time è nientemeno che #GretaThunberg la “person of the year“: la scelta della prestigiosa rivista ha fatto storcere il naso a...

Il drammatico video che mostra come si è ristretto il ghiaccio marino più antico e spesso dell’Artico dall’84 ad oggi

Fontegreenme

Una nuova ricerca ha scoperto che il ghiaccio marino più antico dell’Artico, a nord della Groenlandia, è più mobile di quanto si pensasse in precedenza, ciò significa che si scioglie velocemente. Un video mostra gli scioccanti cambiamenti avvenuti negli ultimi 35 anni.

Il ghiaccio marino più antico e spesso dell’Oceano Artico si estende lungo l’arco di circa 2.000 km dall’arcipelago artico canadese occidentale fino alla costa settentrionale della Groenlandia. I modelli climatici suggeriscono che questa regione sarà l’ultima a perdere la sua copertura ghiacciata perenne, fornendo così un importante rifugio per le specie dipendenti dal ghiaccio come l’orso polare.

Il problema è che proprio la calotta di ghiaccio più antica e densa dell’Artico sta svanendo due volte più velocemente di quanto accade al resto del ghiaccio presente in altre zone.

Il nuovo studio, pubblicato sulla rivista Geophysical Research Letters di AGU, spiega che le correnti oceaniche e i venti atmosferici stanno probabilmente trasportando l’antico e più spesso ghiaccio in altre parti dell’Artico. Di conseguenza, la massa di ghiaccio nell’area sta diminuendo molto velocemente rispetto  a quella presente nel resto dell’Artico.

Nel video si vede l’estensione del ghiaccio marino artico che dal 1984 al 2019 ha perso il 95% della sua massa, il che secondo gli esperti è un “indicatore drammatico” del cambiamento climatico. I modelli climatici hanno previsto che le estati dell’Artico saranno presto prive di ghiaccio e questo potrebbe accadere già nel 2030.

Nel video, il ghiaccio marino più giovane, o ghiaccio del primo anno, è mostrato in una tonalità scura di blu mentre il ghiaccio che ha quattro anni o più è mostrato come bianco. Il grafico visualizzato nell’angolo in alto a sinistra quantifica l’area coperta dal ghiaccio marino che ha quattro o più anni in milioni di chilometri quadrati.

Come riportato dall’Amministrazione nazionale oceanica e atmosferica (NOAA) l’anno scorso, il ghiaccio marino più antico dell’Artico ha registrato una riduzione enorme (del 95%) dalla metà degli anni ’80. L’Artico è ora dominato da un ghiaccio giovane e sottile che è più suscettibile allo scioglimento.

Questa zona dell’artico fino ad oggi è stata una casa e un santuario per alcuni animali (ma anche piante come le alghe del ghiaccio) ed è praticamente l’ultimo luogo in cui possono rifugiarsi per sfuggire al surriscaldamento. Comprendere meglio il cambiamento che sta subendo questa zona tanto importante dell’Artico, secondo gli autori dello studio, potrebbe aiutare a individuare quali punti sono più adatti a fornire un rifugio per la fauna selvatica che dipende dal ghiaccio marino.