21.5 C
Milano
mercoledì,8 Aprile,2020

Ultimi Articoli

NUMERI FALSI? LO SFOGO DEL MEDICO STREMATO DAL TERRORISMO MEDIATICO.

Fabrizio Lucherini, medico, responsabile del servizio di diagnostica per immagini al Nomentana Hospital, ha pubblicato ieri un video su Facebook nel quale dice molto...

Coronavirus: stanno sbagliando tutti?

Intervista a Stefano Montanari, trasmessa da www.contro.tv il 25.03.2020.

Non possiamo salvare vite perché abbiamo scelto di salvare le banche – Valerio Malvezzi

In Italia avremmo potuto fare 500 ospedali spendendo circa 52 miliardi di euro. Avremmo potuto avere decine di migliaia di infermieri e medici in...

L’incredibile conversione di Mario Draghi: dice di fregarsene del debito ma è una trappola – Francesco Amodeo

Sembra che l’ex presidente della #BCE Mario #Draghi sia rimasto folgorato sulla via di Damasco. In un articolo sul #FinancialTimes avvertiamo infatti la sua...

In Francia i medici denunciano il Governo: qui invece denunciano l’informazione libera

Ogni giorno in televisione e sui giornali sentiamo esperti contraddire altri esperti che si definiscono più esperti, ed ognuno rivendica le materie di cui...

CORONAVIRUS. IL DELITTO PERFETTO

A beneficio di tutti i positivi all'intelligenza, un estratto critico di tutte le più autorevoli e coraggiose analisi sul CORONAVIRUS

Prete avrebbe abusato di minore, vittima e famiglia costretti a fuga: arrivarono in città

Crotone. Non solo il rapporto sessuale consumato con un minorenne, all’epoca dei fatti appena sedicenne, ma anche pesanti minacce e presunti emissari mandati a caccia...

Uscire è sempre lecito ma… con l’Avvocato @Marco Mori e Arnaldo Vitangeli di @Lafinanzasulweb

Primo appuntamento al bancone del "Bar di @MePiù": "il Bar dei quarantenati". Molti di noi hanno l'abitudine di cogliere il momento della pausa pranzo...

Caso Savoini e propaganda russa, Parlamento UE ammonisce la Lega. Ma i 5 Stelle si astengono

Fontefanpage

Il Parlamento ha approvato a stragrande maggioranza (469) la risoluzione contro le ingerenze straniere nei processi elettorali e democratici dell’Unione Europea. Inserito anche un emendamento per censurare il comportamento di Salvini: votano contro Lega e Fratelli d’Italia, mentre il Movimento 5 Stelle si è astenuto


Il Parlamento europeo ha adottato oggi una risoluzione in cui definisce “altamente pericolosa la propaganda russa” e condanna gli interventi stranieri nelle elezioni in Europa, citando direttamente il caso Savoini, insieme a quanto accaduto in Francia con il Front National, in Austria con il partito della libertà e in Gran Bretagna durante il referendum sulla Brexit.

Il testo inizialmente non prevedeva nessun riferimento ai casi particolari, ma nonostante il voto contrario di Lega e Fratelli d’Italia e l’astensione del Movimento Cinque Stelle è passato l’emendamento del socialista portoghese Moraes in cui si afferma che sono state “eluse le leggi che impongono restrizioni ai finanziamenti stranieri (..) come denotano le accuse pubblicate da BuzzFeed e L’Espresso il 10 luglio 2019 nei confronti della Lega per Salvini Premier”. L’emendamento recitava:

“(Il Parlamento) rammenta con preoccupazione che, anche in presenza di leggi che impongono restrizioni alle fonti di finanziamento politico, esse sono state eluse da attori stranieri che hanno trovato il modo di offrire sostegno ai propri alleati contraendo prestiti presso banche estere, come nel caso del Front National nel 2016, sottoscrivendo contratti commerciali e di acquisto, come denotano le accuse pubblicate da Der Spiegel e Süddeutsche Zeitung il 17 maggio 2019 nei confronti del Partito della libertà austriaco e da Buzzfeed e L’Espresso il 10 luglio 2019 nei confronti della Lega per Salvini Premier, nonché facilitando attività finanziarie, come denunciato dalla stampa britannica a proposito della campagna Leave.EU”.

Nessun eurodeputato italiano ha commentato l’esito delle votazioni in aula e la parola, per l’estrema destra, è stata lasciata all’inglese Claire Fox che ha bollato come “scandalose le accuse al Regno Unito. Gli elettori si sono espressi a favore della Brexit perché credevano nella sovranità, non certo perché sono intervenuti la Russia o Facebook”.

La risoluzione, oltre ad attaccare gli “attori stranieri” e a fare deboli, ma costanti riferimenti alla Russia, punta anche il dito contro il social network di Mark Zuckerberg, colpevole di non garantire sufficientemente la protezione dei dati e di prestarsi a “essere impiegato per esercitare ingerenze elettorali”. Nonostante i toni di “forte preoccupazione” e le richieste a Consiglio e Commissione di “dotarsi di strategie efficaci per difendere le democrazie europee”, non è stata votata la richiesta di avere una Commissione parlamentare ad hoc.