18.8 C
Milano
lunedì,3 Agosto,2020

Ultimi Articoli

00:40:10

Protocolli italia – svizzera, due approcci all’emergenza a confronto – Chiara Taiana

Vive in Italia e lavora in Svizzera, precisamente nel Canton Ticino ed è dottore specializzato in medicina interna. È la dottoressa Chiara Taiana a...
00:08:02

“Manipolazione e propaganda: così ci hanno convinto ad accettare le loro idee” – Scardovelli

"Siamo nell'epoca delle passioni tristi": così lo psicoterapeuta Mauro #Scardovelli battezza l'attuale periodo storico ai nostri microfoni. La "malattia" qui denunciata ha però più...
00:31:20

5G tra Big Data e cybersicurezza: saremo tutti spiati?

l 5G è anche Big Data, la più grande banca dati digitale mai pensata nella storia informatica: miliardi di devices connessi e collegati significa...

Berlino, proteste contro le mascherine. Gentiloni: “Fanno paura”

Così ha cinguettato su Twitter Gentiloni in relazione alla manifestante di protesta a Berlino contro il nuovo regime terapeutico: "Oggi a #Berlino. Chiedono di...

Anche i medici spagnoli rompono il silenzio: «Chiediamo la verità sul virus»

Il dibattito sul CoVid-19 non si placa: dopo le dichiarazioni di eminenti sanitari italiani, come Clementi, Bassetti e Zangrillo, anche medici spagnoli e tedeschi...
00:26:06

Genitori e insegnanti: la diffida ai dirigenti scolastici

Se volete diffidare i dirigenti scolastici dall'applicare sui vostri figli le linee guida della ministra Azzolina, qui trovate le modalità per farlo in maniera...

Perché il governo vuole tenere segreti i documenti degli esperti sulla pandemia?

«Possiamo chiamare “biosicurezza” il dispositivo di governo che risulta dalla congiunzione fra nuova religione della salute e il potere statale con il suo stato...

Caso Orlandi, famiglia affida incarico per esami su ossa Teutonico

La famiglia di Emanuela Orlandi ha affidato l’incarico per eseguire le analisi su alcuni frammenti ossei repertati nel cimitero Teutonico, all’interno della Città del...

Salerno come Bibbiano: confessioni estorte a bimbi e disabili per toglierli alle famiglie

Fontefanpage

Falsi abusi sessuali per strappare i bambini alle loro famiglie: questo il filo rosso che collega Bibbiano a Salerno. Fanpage.it ha pubblicato un video in cui si mostrano alcuni interrogatori effettuati a Salerno nell’ambito dei processi a carico delle famiglie, in cui, prima a un bambino di poco più di due anni, poi a un’adolescente con una grave disabilità mentale, vengono estorte confessioni per avallare le tesi dell’accusa


C’è un filo sottile, eppure ben saldo, che parte dalla tremenda vicenda di Bibbiano e della Bassa Modenese e arriva fino in Campania, a Salerno per la precisione. Anche nella città campana, infatti, così come su al Nord, alcuni bambini sarebbero stati plagiati e costretti a confessare abusi sessuali inesistenti e strappati così alle proprie famiglie di origine, o a uno solo dei due genitori. Violenze presunte perché tutti i processi si sono conclusi con il proscioglimento da tutte le accuse a carico degli imputati. A Salerno, tutta la vicenda ruota intorno al Not, il Nucleo anti-abusi dell’Asl, come spiega Rosaria Capacchione, autrice dell’inchiesta per Fanpage.it, che è riuscita a entrare in possesso di alcuni filmati degli interrogatori a cui venivano sottoposti i bambini, e che mostrano, a Salerno come a Bibbiano, lo stesso modus operandi: i piccoli costretti a confessare abusi e maltrattamenti.

La prima parte del video mostra l’interrogatorio di un bambino di poco più di due anni, tolto alla potestà del padre per presunti abusi sessuali, effettuato da una psicoterapeuta, responsabile del Not di Salerno e da una psicologa, alla presenza della madre. Già qui c’è la prima anomalia: secondo il protocollo internazionale in materia di interrogatori sui minori, il genitore non potrebbe assistere o prendere parte in maniera attiva all’interrogatorio. La seconda anomalia riguarda l’età del bambino: ancora il protocollo internazionale stabilisce che questo non possa essere effettuato su soggetti di età inferiore ai 3 anni, dal momento che un bimbo di età inferiore non sarebbe in grado di capire cosi gli si sta domandando. Ed è proprio questo che accade: il piccolo, recalcitrante a parlare, viene indotto, con domande mirate e insistenti, a dire cose che non pensa, delle quali molto probabilmente ignora il significato, confermando così quella che è la denuncia della madre.

La seconda parte del video di Fanpage.it mostra invece l’interrogatorio a una ragazzina di 13 anni, affetta da una tetraparesi spastica, una malattia cerebrale invalidante, sin dalla nascita. La ragazzina, come mostrano le immagini, non è in grado di capire cosa le si sta chiedendo, né di formulare un discorso di senso compiuto. Ciononostante, chi le pone le domande, ancora mirate e insistenti, cerca di farle dire i nomi dei partecipanti a presunte orge che si sarebbero svolte nella sua abitazione, in sua presenza. In entrambi i casi, come detto, gli imputati sono stati prosciolti da ogni accusa.

ArrayArray