5 C
Milano
domenica,23 Febbraio,2020

Ultimi Articoli

Usa Cina: guerra batteriologica o complottismo? Diego Fusaro, Gabriele Vietti

La diffusione del Coronavirus che ha colpito la Cina è frutto di un mutamento naturale, nel passaggio da animale a uomo, come sostengono molti virologi, o...

“Hanno fame? Non importa, paghino i debiti” – le scioccanti registrazioni dall’eurogruppo – Francesco Amodeo

Come riportato oggi da La Verità, l’ex ministro delle finanze greche ai tempi di #Tsipras, l’euroscettico #Varoufakis ha affermato di avere in suo possesso...

Come è fatto un vaccino? con la dr.ssa Loretta Bolgan

Serata di approfondimento sulla composizione dei vaccini attualmente in uso, modalità di produzione, registrazione e autorizzazione dei vaccini destinati all'uso umano. Quali sono gli...

DIVORANO TUTTO, E LE ECONOMIE CROLLANO – Speciale #TgTalk

L’aggressiva invasione di locuste che si sta diffondendo in Africa orientale sta mettendo a rischio la sicurezza alimentare di milioni di persone, già in situazione di...

Salario minimo, nessun accordo: soglia torna a 9 euro

Tensioni al tavolo di maggioranza sul salario minimo orario. Il confronto infatti segna il passo e un accordo su un possibile Ddl, da presentare alle...

Distrutti dagli interessi speculativi non dovuti ai banchieri privati – Valerio Malvezzi

Valerio Malvezzi commenta la decisione del consiglio nazionale dei commercialisti di andare nelle scuole primarie, in quarta e in quinta, a spiegare ai bambini perché...

Queste 5 multinazionali agrochimiche guadagnano miliardi dalla vendita di pesticidi “altamente pericolosi”

Le più grandi aziende di pesticidi al mondo guadagnano miliardi di dollari all’anno dalla vendita di sostanze chimiche accusate di rappresentare un rischio per la salute...

Le Marche provano a fermare il 5G, troppi rischi per l’uomo

Con la tecnologia 5G le Marche vogliono andarci caute e approvano una mozione per fare chiarezza sulle frequenze utilizzate e per conoscere gli eventuali rischi sulla...

Papa Francesco, un avvocato argentino lo accusa di aver difeso un prete pedofilo

Secondo Juan Pablo Gallego, avvocato argentino, Papa Francesco sarebbe confessore e amico di un prete accusato di pedofilia.


Papa Francesco non fa ritorno in Argentina ormai da ben 6 anni. In molti si chiedono il perché di questo, ma secondo un avvocato (impegnato nella difesa di molte vittime di abusi) le ragioni che tratterrebbero questo ritorno sono chiare. A suo dire, infatti, sarebbe per evitare il caso don Julio Grassi. Si tratta di un prete pienamente coinvolto in una serie di scandali sessuali e Bergoglio ne fu confessore e amico quando era arcivescovo di Madrid.

I lati oscuri di Papa Francesco: confessore di un prete pedofilo

In occasione di un’intervista rilasciata al Fatto Quotidiano, l’avvocato argentino Juan Pablo Gallego ha dichiarato perché, secondo lui, Papa Francesco preferirebbe evitare di tornare nel suo paese da quando è arrivato al soglio pontificio (ormai sono 6 anni).

Gallego è un avvocato molto celebre, poiché si è occupato dei principali scandali che hanno colpito il clero argentino. A suo dire, Bergoglio preferirebbe rimanere lontano da casa per evitare la questione relativa a don Julio Grassi, prete di cui fu confessore e coinvolto in uno scandalo di pedofilia.

Fu proprio Gallego a presentare la prima denuncia nei confronti di Padre Grassi. Lo fece a nome di un ragazzo che, nel 1996, fu vittima di abusi continui e “aberranti” per soddisfare i desideri di Julio César Grassi. Dopo un processo lungo è complicato, tutto si concluse con la condanna a 15 anni di carcere per abusi sessuali ripetuti su minori (nonostante ciò, Grassi non è stato espulso).

La conoscenza (ben nota) tra Bergoglio e Grassi

Secondo Gallego, tra Bergoglio e Grassi ci sarebbe stata una stretta amicizia sino a non troppo tempo fa.

Essa, in pratica, si sarebbe interrotta soltanto con l’ascesa del primo al soglio pontificio. Lo stesso Gallego, infatti, aveva incontrato Bergoglio nel 2006, quando l’altro non era ancora al vertice della Chiesa. A detta dell’avvocato, Papa Francesco, in quegli anni, non abbandonò mai l’amico Grassi.

Non ci furono atti illegali da parte di Bergoglio, ma Gallego sostiene che fu proprio l’odierno Papa a commissionare la contro-inchiesta che ebbe l’obiettivo di annientare la credibilità delle vittime. Si scoprì, infatti, che alcuni avvocati furono persino pagati dalla Chiesa, così da tirarsi fuori da questo processo (o almeno provarci). Bergoglio, allora presidente della Conferenza episcopale argentina, avrebbe, dunque, attivato a tutti gli effetti la difesa di Grassi.