23 C
Milano
martedì,7 Luglio,2020

Ultimi Articoli

Coronavirus e i falsi positivi!

Il 5 marzo 2020 sul quotidiano “San Francisco Chronicle” è uscito un articolo dal titolo: “Why some coronavirus patients are getting inconsistent test results”,...
00:17:06

Intervista inedita a Andrew Wakefield per Corvelva

Intervista inedita a Andrew Wakefield per Corvelva

Un effetto (poco conosciuto) sul corpo del lockdown. Intervista al dott. Saverio Sansone

Scomparse le salme in TV, sta acquistando sui media italiani una sinistra popolarità la proposta di un altro “esperto” in COVID: tale Xavier Rodó...
00:55:09

QUANTO MANCA ALL’ALBA – Mauro Scardovelli

6 luglio 2020 – Stiamo cercando di cambiare il mondo. A volte arrendersi sembra l’unica opzione. Ma quando la notte è più buia, l’alba...
00:30:51

Crisanti su nature: adesso gli asintomatici sono pericolosi come chi ha i sintomi

Uno studio pubblicato sulla rivista Nature, a firma di un gruppo di studiosi fra cui il parassitologo Andrea Crisanti, sostiene che gli asintomatici abbiano adesso la...

5G, con il Dl Semplificazioni i sindaci non potranno opporsi alle antenne

La possibilità dei sindaci di dire “no” alle antenne del 5G potrebbe presto essere limitata. Lo prevede, nero su bianco, la bozza del decreto...

Il vaccino di Gates modifica il DNA: scienziati ed esperti di etica danno l’allarme

Big Pharma sta sviluppando 80 vaccini contro il COVID, ma Gates & Fauci stanno spingendo sul laboratorio “Moderna https://www.modernatx.com/”, dove il vaccino utilizza una nuova,...
00:10:51

“C’è un disegno orchestrato per sfruttare i deboli sempre di più” – la previsione di Malvezzi

E' importante avere un'ampia visione delle cose e di ciò che accade intorno a noi. Grazie alla società moderna e alla digitalizzazione abbiamo l'occasione...

SCIE CHIMICHE: Virus Patogeni e Batteri vengono irrorati nei cieli di tutto il mondo

Agenti patogeni inalati dalle scie chimiche comportano un rischio alla salute della popolazione mondiale. Alcuni di questi agenti patogeni sono stati trovati nelle scie chimiche come ad esempio il mycoplasma pneumoniae e la chlamydia pneumoniae.


Il mycoplasma bloccando il sistema immunitario permette agli altri patogeni presenti nel corpo a svilupparsi tranquillamente cosi dando via libera per la diffusione delle cellule tumorali. Mentre la chlamydia provoca infertilità. Comunque tutti e due curabili se diagnosticati in tempo.

.com/proxy/

Con le scie chimiche, come dimostrato da illustri ricercatori (giornalisti indipendenti, biologi, medici…) sono diffusi anche agenti patogeni: oltre a virus e viron (virus modificati geneticamente), con le irrorazioni è sparso il micoplasma, un comune agente patogeno trasformato in arma biologica. Le operazioni di irrorazioni chimiche o meglio “scie velenose” ha conosciuto un’escalation in quasi tutti i paesi del mondo.

Un team di ricercatori delle università britanniche di Lancaster, Oxford, Glasgow, Manchester e dell’ Universidad Nacional Autonoma de Mexico, hanno scoperto un’abbondante presenza di nanoparticelle di magnetite nel tessuto cerebrale di 37 soggetti deceduti, di età compresa tra 3 e 92 anni che hanno vissuto a Città del Messico e a Manchester.

All’università di Lancaster spiegano che «Questo minerale fortemente magnetico è tossico ed è implicato nella produzione di specie reattive dell’ossigeno (radicali liberi) nel cervello umano, che sono associate a malattie neurodegenerative come il morbo di Alzheimer».

.com/proxy/

I ricercatori hanno utilizzato l’analisi spettroscopica per identificare le particelle di magnetite e spiegano che « A differenza delle particelle di magnetite angolari che si ritiene si formino naturalmente all’interno del cervello, la maggior parte delle particelle osservate erano sferiche con diametro fino a 150 nm, alcune con superfici fuse, tutte caratteristiche di una formazione di alta temperatura: come da veicoli (in particolare a gasolio) motori o caminetti. Le particelle di magnetite sono spesso accompagnate dalla presenza di altre nanoparticelle contenenti tipologie di metalli differenti, come ad esempio il platino, nichel e cobalto».

Barbara Maher del Lancaster Environment Center, la principale autrice dello studio “Magnetite pollution nanoparticles in the human brain”, pubblicato su Proceedings of the National Academy of Science, sottolinea che «Le particelle che abbiamo trovato sono sorprendentemente simili alle nanosfere di magnetite che sono abbondanti nell’inquinamento atmosferico che si trovano in ambienti urbani, in particolare vicino a strade trafficate, e che sono formate dalla combustione o dal riscaldamento per attrito dai motori o dai freni dei veicoli».

.com/proxy/

Nanoparticelle di magnetite

Altre fonti di nanoparticelle di magnetite sono caminetti e stufe malfunzionanti all’interno delle abitazioni. Le particelle inferiori a 200 nm sono abbastanza piccole da penetrare direttamente nel cervello attraverso il nervo olfattivo, dopo aver respirato aria inquinata attraverso il naso.

La Maher aggiunge: «I nostri risultati indicano che le nanoparticelle di magnetite in atmosfera possono entrare nel cervello umano, dove potrebbero rappresentare un rischio per la salute umana, ivi comprese per condizioni come il morbo di Alzheimer». .

David Allsop, uno tra i maggiori esperti di Alzheimer del mondo, David Allsop di Alzheimer, della Facoltà di scienze della salute e medicina dell’università di Lancaster, conclude: «Questa scoperta apre una nuova strada per la ricerca di un possibile fattore di rischio ambientale per una serie di diverse malattie del cervello». Molti ricercatori e cospiratori, puntano il dito anche contro le famose Scie Chimiche. Secondo questi, le nanoparticelle di magnetite e nanoparticelle di alluminio sarebbero immesse in atmosfera, soprattutto grazie agli aerei tanker, aerei commerciali e militari, che effettuano irrorazioni chimiche (Chemtrails).

.com/proxy/

Nanoparticelle di Alluminio

Le nanoparticelle di alluminio non sono solo infinitamente più infiammatorie, ma penetrano facilmente nel cervello attraverso una serie di percorsi come il sangue e i nervi olfattivi (i nervi dell’odore nel naso). Recenti studi hanno dimostrato che queste particelle passano lungo le vie neurali olfattive che si ricollegano direttamente alla zona del cervello che è, non solo la zona più colpita dall’Alzheimer, ma anche il primo organo ad ammalarsi.

Il percorso di esposizione intra-nasale rende la polverizzazione di enormi quantità di nanoaluminio nei cieli particolarmente pericolosi, in quanto sarà inalato da persone di tutte le età, compresi i neonati e i bambini piccoli, per molte ore se non continuamente. Sappiamo che le persone anziane hanno la maggiore reazione a questa esposizione all’alluminio. A causa della micro-dimensioni delle particelle di alluminio, anche i sistemi di filtraggio delle case dove abitiamo non ce la fanno a rimuovere l’alluminio, prolungando così l’esposizione anche in ambienti chiusi. Oltre che ad inalarle, queste nanoparticelle di alluminio saturano il terreno, l’acqua e la vegetazione con livelli altissimi, anche 100 volte sopra il limite consentito dalla legge.

.com/proxy/

Normalmente l’alluminio viene scarsamente assorbito dal tratto gastrointestinale ma il nano-alluminio viene assorbito in quantità elevate. L’alluminio assorbito si distribuisce ad un gran numero di organi e tessuti, compreso il cervello e il midollo spinale e provoca delle tremendi reazioni infiammatorie nei polmoni. Prego che i piloti che stanno spruzzando questa sostanza pericolosa comprendano appieno che stanno distruggendo la vita e la salute delle loro famiglie. Inclusi i nostri ‘bravi’ funzionari politici. Una volta che il terreno, le piante, e le fonti idriche saranno fortemente contaminate non ci sarà alcun modo per invertire il danno fatto. Le contromisure devono essere prese ora per evitare la nascita di un disastro sanitario di enormi proporzioni. Se il progetto di aereosol non viene fermato immediatamente vedremo un aumento esplosivo delle malattie neurodegenerative che attualmente si verificano negli adulti e negli anziani in tassi senza precedenti, così come i disturbi nello sviluppo neurologico dei nostri bambini.

Comprendiamo quanto sia importante la condivisione in ogni modo e in ogni dove visti gli argomenti trattati, ma preghiamo gli altri blogger che la riproduzione venga attuata senza che l’articolo sia modificato in nessuna parte, indicando l’autore e il link attivo a questo sito visto che l’articolo alle volte è tradotto dai nostri collaboratori.Grazie per l’attenzione, dallo staff di Vivereinmodonaturale.com che per ragioni di sicurezza preferisce rimanere anonimo.

ArrayArray